Zeiss Ikon Box Tengor 54

La Zeiss Ikon Box-Tengor 54 è parte della grande famiglia Tengor, cavallo di battaglia dell’azienda tedesca.

Il Box-Tengor è realizzato in metallo, molto robusta e semplice da usare.

La forma è molto cubica, con una chiave di avvolgimento a pellicola, situata nella parte inferiore della parte posteriore per i primi modelli, poi una ruota posizionata più in alto sui modelli più recenti

Cronistoria delle fotocamere Box Tengor

Qualche anno prima della fusione in Zeiss Ikon, il rinomato produttore berlinese Goerz aveva lanciato la fotocamera Box Tengor in due versioni diverse:

una per 6×9 cm su pellicola 120 e un’altra per 6,5×11 cm su pellicola 116.

Dopo la crisi negli anni 1920, alcune aziende industriali cominciarono a fondersi per diventare più forti.

Il produttore ottico Carl Zeiss di Jena decide di unire quattro dei principali produttori tedeschi di fotocamere (Goerz, Ica, Ernemann e Contessa-Nettel) nel gigante Zeiss Ikon nel 1926.

Dal 1927 in poi le precedenti Goerz Tengor furono vendute con il nome Zeiss Ikon, aggiungendo una terza versione per pellicola 129 (5×7,5 cm). Queste fotocamere mantennero il design originale Goerz, solo con alcuni cambiamenti minori.

Erano fotocamere semplici e funzionali. Le due finestre del mirino erano posizionate verticalmente nell’angolo in alto a sinistra e il tasto di caricamento era in basso. Queste semplici fotocamere erano destinate a fotografi dilettanti senza conoscenze tecniche.

Avevano solo un unico tempo di esposizione e tre diaframmi. Erano di gran lunga tra le scelte più facili da usare del catalogo Zeiss Ikon.

Nel 1928 Zeiss Ikon rilasciò alcune nuove Box Tengor progettate e migliorate, iniziando la cosiddetta serie 54. Le finestre del mirino erano ora disposte orizzontalmente, ognuna su un lato opposto della fotocamera, e la chiave di avvolgimento era posta in alto.

Durante 1931-1932 Zeiss Ikon aggiornò il design della Tengor aggiungendo il caratteristico esagono sul pannello frontale (come sulla Ikoflex), nuovi controlli di apertura e messa a fuoco e una nuova chiave di carica.

Dal 1938 Zeiss Ikon diede il tocco finale alla Tengor lanciando la Tengor II con un nuovo design esterno e con la prevenzione della doppia esposizione, una vera novità all’epoca.

Nel 1951, la Zeiss Ikon propone un nuovo box, il cui codice è 56/2, mentre il Box-Tengor (55/2), che ha sostituito il Box-Tengor (54/2), continua ad essere proposto alla vendita.

Caratteristiche della Zeiss Ikon Box Tengor 54

La Box Tengor 54 ha un obiettivo con apertura massima a f.11

l Box-Tengor 54 è stato prodotto dal 1932 al 1943. La sua parte anteriore è decorata con la forma esagonale, che lo colloca nella seconda ondata di modelli.

Sul frontale è possibile distinguere l’obiettivo Goerz Frontar, inoltre nella parte bassa un selettore scorrevole lateralmente permette di scegliere due aperture di diaframma f11 e f22

La regolazione delle distanze è a a passi, grazie all’utilizzo di tazze interne.

 

Nella parte destra sono posizionati il mirino laterale, la levetta di scatto, la chiave per l’avanzamento della pellicola ed il blocco dell’otturatore per utilizzare la posa B (anch’esso scorrevole lateralmente)

Inoltre lo sblocco per l’apertura della fotocamera e l’attacco per lo scatto a molla.

In questa immagine una visione della parte superiore con la maniglia e uno dei due mirini.

E’ visibile in questo modello la targhetta del commerciante di fotocamere parigino da cui è stata venduta per la prima volta

Sul retro della fotocamera due finestrelle rosse permette il controllo dell’avanzamento della pellicola.

Infine sul fondello e lateralmente si trova la vite filettata per l’utilizzo del treppiede

Galleria fotografica

Informazioni generali

Paese di produzione: Germania: 1932-1943
Produttore: Zeiss-Ikon
Tipo di fotocamera: Box
 

Specifiche tecniche

Tipo di pellicola: 120
Numero massimo di fotogrammi: 16
Dimensioni del telaio: 6×4,5
Avanzamento: A chiave
Riavvolgimento:  
Esposimetro: 
Modo di Misurazione: Manuale
Modello: 
Armamento:Automatico 
Marca Otturatore: 
Modello otturatore:  Spezial Rotativ
Velocità dell’otturatore: 1/25-B
Sicurezza in caso di doppia esposizione: 
Autoscatto: 
Tipo di lente originale: Standard
Montaggio della lente: Fisso
Marchio della lente: Optische Anstalt Saalfeld  
Modello della lente: Frontar
Formula:
Lunghezza focale originale :  9 cm
Apertura massima : f16-f22
Distanza min. fuoco: 
Numero dei visori: 2

Tutte le altre fotocamere vintage sulla pagina AnalogicaMente