Balda Baldix

La fotocamera Balda Baldix, deriva dalla Balda Baldax del dopoguerra.

La Baldix presentata a PhotoKina del 1956 comprendeva la Baldi 29, la Baldix e la Super Baldax, tutti modelli che erano ancora disponibili nel 1959-60

Caratteristiche della Baldix

Sulla parte superiore troviamo  la slitta per gli accessori.

Inciso il nome della marca, il pulsante di apertura del soffietto, il pulsante di scatto e la grande rotella per l’avvolgimento

Sono visibili sulla rotella secondaria le impostazioni della sensibilità della pellicola, e della sua tipologia.

Sul frontale della Baldix notiamo l’obiettivo un Rigonar 1:4.5/75

L’otturatore è un Prontor Vario che chiude a tre tempi 1/25 1/75 1/200 più posa B.

La levetta per l’apertura dei diaframmi si trova appena sopra il barilotto dell’ottica.

Sempre sullo stesso piano la leva di armamento dell’otturatore e il Sincro Flash

la ghiera di messa a fuoco permette di focheggiare da 1,2 metri all’infinito

Sul fondello troviamo la vite filettata per l’utilizzo del treppiede

Sul retro è presente il mirino, non molto luminoso.

Una finestrella richiudibile permette di controllare l’avanzamento della pellicola, è visibile anche la levetta di apertura della fotocamera.

Galleria fotografica

Informazioni generali

Paese di produzione: Germania: anno 1956
Produttore: Balda
Tipo di fotocamera: Soffietto
 

Specifiche tecniche

Tipo di pellicola: 120
Numero massimo di fotogrammi: 12
Dimensioni del telaio: 6×6
Avanzamento: Rotella
Riavvolgimento: 
Esposimetro: 
Modo di Misurazione: 
Modello: 
Armamento: Meccanico
Marca Otturatore: Gauthier
Modello otturatore: Vario
Velocità dell’otturatore: 1/25-1/75-1/200 più posa B
Sicurezza in caso di doppia esposizione: si
Autoscatto: 
Tipo di lente originale: Standard
Montaggio della lente: Fisso
Marchio della lente: Balda
Modello della lente:  Bonde Rigonar
Formula:
Lunghezza focale originale : 75 mm
Apertura massima :1:4.8
Distanza min. fuoco: 1,2 mt
 
 

Tutte le altre fotocamere vintage sulla pagina AnalogicaMente