Ferrania Eura Rapid

La fotocamera Ferrania Eura Rapid, è stata costruita nel 1964 e rimase in produzione sino al 1969

La struttura della fotocamera è molto classica con il mirino abbastanza luminoso posto al centro della calotta superiore.

Il formato della pellicola utilizzata è il 24×24 in caricatore che permette di scattare 16 fotogrammi.

Il fuoco è fisso e l’otturatore chiude a 1/75 di secondo.

La Eura Rapid e costruita in plastica e metallo, con incise marchio e modello sulla calotta frontale.

Possiamo notare sulla sinistra il pulsante di scatto, e sulla destra la piccola levetta che permette  di variare l’apertura del diaframma.

Caratteristiche della Ferrania Eura Rapid

La Eura Rapid monta un obiettivo Atomar con una lente e due diaframmi, sulla parte superiore possiamo notare la slitta per il flash sincronizzato con l’otturatore.

Il contafotogrammi posizionato sulla destra si azzera ad ogni apertura del vano porta caricatore.

La messa a fuoco è fissa, e l’otturatore chiude ad un unica velocità di 1/75 

Aprendo lo sportello posteriore si accede al vano porta pellicola, come già scritto la Eura Rapid utilizza caricatori da 16 pose formato 24×24, durante le riprese la pellicola passa dalla parte destra a quella di sinistra.

Sul fondello è presente la madrevite filettata per il treppiede.

Galleria fotografica

Informazioni generali

Paese di produzione: Italia: 1964
Produttore: Ferrania
Tipo di fotocamera: Compatta
 

Specifiche tecniche

Tipo di pellicola: Caricatori Rapid
Numero massimo di fotogrammi: 16
Dimensioni del telaio: 24×24
Avanzamento: Rotella
Riavvolgimento: 
Esposimetro: 
Modo di Misurazione:
Modello: 
Armamento: Manuale
Marca Otturatore: 
Modello otturatore:
Velocità dell’otturatore: 1/75 
Sicurezza in caso di doppia esposizione: si
Autoscatto: 
Tipo di lente originale: Standard
Montaggio della lente: Fisso
Marchio della lente: Ferrania
Modello della lente: Atomar
Formula: 1 lente 
Lunghezza focale originale :  
Apertura massima :
Distanza min. fuoco: 
 

Tutte le altre fotocamere vintage sulla pagina AnalogicaMente