Voigtlander Vitoret D

La Vitoret D è stata introdotta intorno al 1962 come fotocamera economica con mirino dalla Voigtländer, ed è stata sostituita nel 1966 con una versione rinnovata con angoli del corpo più squadrati. 

La vitoret D utilizza pellicola da 135mm per un formato 24×36, ci sono due varianti dei questa fotocamera offerte con due lenti diverse, il Lanthar f/2.8 50mm o il Vaskar f/2.8 50mm, fino al 1965 quando un Color Lanthar f/2.8 50mm divenne l’unica versione.

Caratteristiche della Voigtlander Vitoret D

Sul pannello superiore possiamo vedere la slitta per gli accessori, e la rotella di riavvolgimento della pellicola , è presente anche un selettore per l’accoppiamento dell’esposimetro al selenio, altra funzione del selettore è quello di impostare gli ASA della pellicola.

La Voigtlander II monta un ottica Lanthar 1:2,8/50 e l’otturatore.
PRONTOR 125, i tempi variano da 1/30 a 1/125 più posa B.

A sinistra è visibile il pulsante di scatto con incorporato l’attacco per lo scatto a filo.

La ghiera dei diaframmi è importabile su 7 posizioni da f2,8 a f22, la messa a fuoco tramite l’apposita ghiera è importabile da 1 mt sino all’infinito.

Sul retro della Voightlander Vito C  si notano il mirino, e la leva per l’avanzamento della pellicola (a destra)

Galleria fotografica

Informazioni generali

Paese di produzione: Germania 1962
Produttore:Voightlander
Tipo di fotocamera: Compatta
 

Specifiche tecniche

Tipo di pellicola: 135
Numero massimo di fotogrammi: 36
Dimensioni del telaio: 24×36
Riavvolgimento: Manovella
Esposimetro: 
Modo di Misurazione:
Modello: 
Armamento: Manuale
Marca Otturatore: Gauthier 
Modello otturatore: Prontor 125
Velocità dell’otturatore: 1/30 – 1/125 – B
Sicurezza in caso di doppia esposizione: Si
Autoscatto: 
Tipo di lente originale: Standard
Montaggio della lente: Fisso
Marchio della lente: Voigtlander
Modello della lente: Lanthar
Lunghezza focale originale :  50 mm
Apertura massima : 2.8 – 22
 
Approfondimenti sulla famiglia di fotocamere Voigtlander 
 
 
 

Tutte le altre fotocamere vintage sulla pagina AnalogicaMente