Bencini Minicomet 127

Nel 1966 Bencini presenta una curiosa fotocame­ra: la Minicomet. 

La fotocamera è di   dimensioni estrema­mente contenute, pari a quelle di un pacchetto di si­garette;fu inoltre il primo apparecchio Bencini co­struito in plastica

La pellicola utilizzata era la solita formato 127 ed il negativo ottenuto era di soli 2×3 cm, da ogni rullino si ottenevano 24 pose.

La Minicomet veniva reclamizzata come l’appa­recchio da tenere “…in tasca, nella borsetta, nel cas­setto dell’automobile o della motocicletta per foto­grafare con soddisfazione ovunque andiate…

La produzione continuò per 5 anni, dal 1966 al 1971, durante tale periodo subì alcune piccole modifiche di carattere estetico che non in­fluirono minimamente sulle caratteristiche tecniche.

   

Dal punto di vista collezionistico la Minicomet non è un modello comunissimo, il valore è modesto e l’interesse per il collezionista risiede nella dimen­sione e nel fatto che fu il primo apparecchio Bencini fabbricato interamente in plastica.

Questo modello do Minicomet non è ben classificato in quanto potrebbe essere una lavorazione conto terzi o una vendita particolare in occasione dello smaltimento di avanzi di magazzino, sicuramente è statacostruita da Bencini in quanto il marchio presente sulla custodia che purtroppo non ho fotografato.

Galleria fotografica

Informazioni generali

Paese di produzione: Italia: 1966
Produttore: Bencini
Tipo di fotocamera: Compatta
 

Specifiche tecniche

Tipo di pellicola: 127
Numero massimo di fotogrammi: 
Dimensioni del telaio: 2×3
Avanzamento: Ruota
Riavvolgimento: 
Esposimetro: 
Modo di Misurazione:
Modello: 
Armamento: Automatico
Marca Otturatore: 
Modello otturatore: Rotativo
Velocità dell’otturatore:  
Sicurezza in caso di doppia esposizione: no
Autoscatto: 
Tipo di lente originale: Standard
Montaggio della lente: Fisso
Marchio della lente: 
Modello della lente: 
Formula:
Lunghezza focale originale :  
Apertura massima :
Distanza min. fuoco: 
 
 
 
 
 

Tutte le altre fotocamere vintage sulla pagina AnalogicaMente