Crespi d’Adda – il villaggio operaio

Crespi D'adda villaggio operaio ©FuoriFuoco.it

Dove si trova

Crespi d’Adda il villaggio operaio è una frazione del comune italiano di Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo, Lombardia,

In passato parte del comune di Canonica d’Adda, cui apparteneva in quanto a sud del fosso bergamasco da cui è stata separata a fine 1800 per essere unito a Capriate

così come per il comune di San Gervasio sull’Adda aggregato a sua volta.

La famiglia Crespi

Crespi è il nome della famiglia di industriali cotonieri lombardi che a fine Ottocento realizzò un moderno “Villaggio ideale del lavoro” accanto al proprio opificio tessile, lungo la riva bergamasca del fiume Adda.

Crespi d'Adda il villaggio operaio

Il Villaggio Crespi d’Adda è una vera e propria cittadina completa costruita dal nulla dal padrone della fabbrica per i suoi dipendenti e le loro famiglie.

Ai lavoratori venivano messi a disposizione una casa con orto e giardino e tutti i servizi necessari.

In questo piccolo mondo perfetto il padrone “regnava” dal suo castello e provvedeva come un padre a tutti i bisogni dei dipendenti:

Dentro e fuori la fabbrica e “dalla culla alla tomba”, anticipando le tutele dello Stato stesso. Nel Villaggio potevano abitare solo coloro che lavoravano nell’opificio, e la vita di tutti i singoli e della comunità intera “ruotava attorno alla fabbrica stessa”, ai suoi ritmi e alle sue esigenze.

All’inizio degli anni novanta a livello comunale fu proposto un piano regolatore che prevedeva nuove edificazioni nell’area del villaggio operaio.

Il villaggio patrimonio UNESCO

L’associazione culturale locale “Centro Sociale Fratelli Marx” (CSFM), supportata dal locale circolo di Legambiente e da diverse persone coscienti del valore del villaggio

volle contrastare questa proposta decidendo di tentare l’iscrizione del sito di Crespi d’Adda nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

Il 5 dicembre 1995 il “Villaggio operaio di Crespi” è entrato a far parte della Lista del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

È uno degli esempi meglio conservati di villaggio operaio industriale che esistano al mondo. Contrariamente a siti analoghi, lo stabilimento è stato funzionante fino al dicembre 2003 e le case sono tuttora abitate.

© Luciano Ravasio -fonte villaggiocrespi.it – Wikipedia.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: