Ferrania Eta

La Ferrania Eta è una fotocamera prodotta dal 1940 e presentata alla Fiera di Milano di quell’anno in contemporanea con la Zeta.

La Eta diede una svolta nel design delle fotocamere dell’epoca, si passa dalle classiche Box a modelli più arditi e dalle forme tondeggianti.

Caratteristiche della Ferrania Eta

La costruzione della Alfa è sostanzialmente semplice, prodotta in lamierino verniciato monta un obiettivo con una sola lente con lunghezza focale circa di 70 mm.

Utilizza pellicola da 127 mm, che permette di ottenere 8 fotogrammi da 4×6,5.

La messa a fuoco è fissa e parte dalla distanza di 3 metri.

L’otturatore molto basico a ghigliottina permette di scattare ad un tempo di 1/30 e in posa B.

Per passare da una modalità all’altra bisogna agire tramite una levetta posta sula barilotto dell’obiettivo.

Nessun attacco per lo scatto flessibile è presente, è presente invece l’attacco per il treppiede sotto il fondello.

L’inquadratura è possibile tramite un mirino galileiano.

Per il caricamento della pellicola è presente una manopola in plastica sulla parte superiore sinistra della fotocamera.

La parte interna della fotocamera è incurvata per correggere le aberrazioni dell’obiettivo, molto basico e semplice.

Sul retro, c’e una finestra rossa  per controllare i numeri di fotogramma quando si avvolge.

Galleria fotografica

Informazioni generali

Paese di produzione: Italia: 1940
Produttore: Ferrania
Tipo di fotocamera: Compatta
 

Specifiche tecniche

Tipo di pellicola: 127
Numero massimo di fotogrammi: 8
Dimensioni del telaio: 4×6,5
Avanzamento: Rotella
Riavvolgimento: 
Esposimetro: 
Modo di Misurazione:
Modello: 
Armamento: 
Marca Otturatore: 
Modello otturatore: Ghigliottina
Velocità dell’otturatore: 1/30 B
Sicurezza in caso di doppia esposizione: no
Autoscatto: 
Tipo di lente originale: Standard
Montaggio della lente: Fisso
Marchio della lente: 
Modello della lente: 
Formula:
Lunghezza focale originale :  70 mm
Apertura massima : 1:9
Distanza min. fuoco: 3 metri
 
 

Tutte le altre fotocamere vintage sulla pagina AnalogicaMente